RESTIAMO UMANI – 16 DICEMBRE GORIZIA

RESTIAMO UMANI – BENVENUTA UMANITÀ

Gorizia 16 Dicembre ore 15 Piazza Sant’Antonio

Manifestazione transnazionale per i diritti dei migranti e contro il fascismo.

Qui sotto trovate l’appello in lingua italiana, slovena e inglese. Leggi tutto “RESTIAMO UMANI – 16 DICEMBRE GORIZIA”

Online il Report #20GiugnoLasciateCIEntrare

logo-lasciatecientrareLa campagna LasciateCIEntrare presenta il rapporto sulla mobilitazione nazionale della società civile per la richiesta di accesso nei centri per migranti in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato

A seguito della pubblicazione del rapporto “Accogliere: la vera emergenza” pubblicato a febbraio 2016, la rete degli attivisti e associazioni della Campagna LasciateCIEntrare, ha continuato il monitoraggio dei centri di detenzione, di accoglienza (CAS e CARA) ed i nuovi Hotspot (ancora pressochè off-limits) presenti sul territorio nazionale.

Il bilancio, tranne rarissime eccezioni di cui proponiamo la lettura, è estremamente negativo. In definitiva, una situazione di crollo imminente del sistema di accoglienza che denunciamo come prossimo non perché connesso all’arrivo di troppi richiedenti asilo, ma perché strutturato in maniera disomogenea, priva di programmazione, affidata alla buona o cattiva volontà dei prefetti, condizionata dalla volontà di non applicare scelte politiche intelligenti.

Molte strutture, di cui abbiamo anche evidenziato carenze ed inefficienze, sono rimaste in gestione agli stessi “imprenditori” ed enti gestori in alcuni casi coinvolti nell’inchiesta “Mafia Capitale”.

Certo non mancano realtà anche virtuose, ma quello che intende fare la Campagna LasciateCIEntrare è continuare a denunciare un sistema ancora non governato, incapace di rispondere in maniera strutturata al fenomeno dell’immigrazione.

L’autunno che si prepara è una stagione di respingimenti, spesso totalmente illegali, di malaccoglienza, d’innalzamento di muri e fili spinati in tutta Europa e anche in Italia.

A maggior ragione, crediamo che il nostro rapporto debba divenire uno strumento utile per contribuire a diffondere una corretta informazione e permettere ai cittadini di comprendere, fino in fondo, la strada che l’intero continente, non solo l’Italia, stanno percorrendo.

In Italia e questo lo registriamo con profonda amarezza, manca una classe politica in grado di comprendere l’entità della sfida in atto e misurarsi sulla stessa con un conseguente senso di responsabilità.

Per la Campagna LasciateCIEntrare quello che si prepara sarà un anno di svolta, ci auguriamo di avere al nostro fianco chi crede nella necessità di informare ed operare correttamente per consentire a quella che chiamiamo società civile di svolgere un ruolo che da sempre cerca soluzioni, ma che al tempo stesso difende il diritto dell’informazione e della denuncia, così come il sostegno dei soggetti vulnerabili, senza per questo dover rischiare una criminalizzazione delle proprie azioni.

Buona lettura del nostro rapporto.

Campagna LasciateCIEntrare

Per scaricare il rapporto premere qui 

SOLIDARIETÀ A OSPITI IN ARRIVO: ARRESTATECI TUTTI!

ospiti

Siamo singoli cittadini, attivisti, associazioni e realtà che sostengono la lotta per l’ accoglienza dignitosa dei richiedenti asilo a Udine, in Friuli Venezia Giulia, a Ventimiglia, a Roma e in tutta Italia.

Nelle nostre città vediamo decine di persone, e tra loro molti minori, vivere per mesi accampate nei parchi, in edifici abbandonati e fatiscenti, nelle stazioni, sulle pericolose rive dei fiumi, in attesa di poter accedere all’accoglienza cui hanno diritto.
A Udine, il nutrito gruppo di volontari che ogni sera assiste gratuitamente i richiedenti asilo fuori accoglienza, rende la città un luogo più umano da quasi due anni. Laddove le istituzioni -seppure sollecitate a più riprese – latitano, tentennano o fingono di non vedere, Ospiti in Arrivo è presente, tamponando la cronica inefficienza di un sistema che pare incapace di pianificare a lungo termine.

Leggiamo con sgomento e preoccupazione la notizia della chiusura delle indagini nei confronti di alcuni volontari dell’associazione, con accuse molto gravi che sembrano mirare a stravolgere il senso ultimo dell’attività dell’associazione: provvedere ad aiutare gratuitamente coloro che le istituzioni hanno lasciato soli.
Riteniamo che in questa operazione di criminalizzazione del volontariato e della società civile vi sia un chiaro disegno politico che a Udine – come in molte altre parti d’Italia – mira ad attaccare le attività di coloro che, con la propria quotidiana, volontaria e gratuita attività, mettono in risalto le inefficienze delle istituzioni.

Le pesantissime accuse nei confronti dei volontari udinesi, cosi come i fogli di via agli attivisti di Ventimiglia, i continui sgomberi ai danni dei migranti fuori accoglienza in tutto il Paese e la militarizzazione dei luoghi di transito, sono il sintomo di una gestione perennemente emergenziale e apertamente ostile da parte delle istituzioni, che riduce il fenomeno migratorio ad una mera questione di ordine pubblico.

L’atteggiamento persecutorio nei confronti di chi, gratuitamente, sopperisce quotidianamente alle mancanze delle istituzioni, è un attacco diretto al cuore pulsante della società civile.

Esprimiamo massima solidarietà e sostegno a tutta l’associazione e ai suoi soci: come persone e organizzazioni coinvolte nell’accoglienza e nella tutela dei diritti fondamentali di quanti approdano nel nostro Paese ci sentiamo colpiti e coinvolti direttamente da questa indagine.

Leggi tutto “SOLIDARIETÀ A OSPITI IN ARRIVO: ARRESTATECI TUTTI!”

Appello per una immediata riapertura dei confini lungo i Paesi della rotta balcanica

filo-spinato

In questi giorni, dal confine greco-macedone di Idomeni fino a tutti i confini dei Paesi della cosiddetta ‘rotta balcanica’ (Macedonia, Serbia, Croazia e Slovenia), stiamo assistendo a grandi cambiamenti per le migliaia di persone che tentano disperatamente di raggiungere la Fortezza Europa.

Mentre l’attenzione dei media è tutta concentrata sull’allarme terrorismo, dal 19 novembre i confini della Macedonia sono ufficialmente chiusi per tutti coloro che non possono provare di essere siriani, afgani o iracheni. Cio’ in spregio all’art. 3 della Convenzione di Ginevra che sancisce espressamente il divieto di discriminazione (‘Gli Stati Contraenti applicano le disposizione della presente Convenzione ai rifugiati senza discriminazioni quanto alla razza, alla religione o al paese d’origine).

Calato da settimane il sipario sulla rotta balcanica, i governi dei paesi che da mesi gestiscono l’attraversamento dei confini da parte di migliaia di persone hanno semplicemente deciso di tracciare una linea, dividendo ‘chi ha diritto all’asilo’ da coloro che arbitrariamente vengono definiti ‘migranti economici’ (definizione, quest’ultima, improvvisamente portata alla ribalta da tutti i governi dei Paesi europei coinvolti).

Ad oggi, stando a quanto sta succedendo a Idomeni, confine greco-macedone, sono da considerarsi ‘migranti economici’ coloro che provengono dalla Palestina, dalla Somalia, dall’Eritrea, dall’Iran e molti altri paesi così come tutti/e coloro che non possono dimostrare di provenire dalle tre nazionalità “selezionate”.

Nonostante per ora le organizzazioni internazionali sul posto – il cui operato e il cui raggio di intervento sono stati negli ultimi mesi non adeguati – siano molto caute nel definire ciò che sta succedendo (si parla di persone ‘bloccate ai confini’, di ‘situazione molto tesa’), appare invece evidente che quanto sta accadendo è una vergognosa forma di respingimento di massa sotto forma di separazione su base etnica e nazionale (per altro coordinata anche da Paesi quali Serbia e Macedonia, che l’UE in teoria considera ‘non sicuri’ per i richiedenti asilo). Davanti ai confini chiusi ci sono famiglie con bambini, ci sono centinaia di persone esposte al freddo e alle intemperie che sperano – a quanto pare inutilmente – che il confine riapra anche per loro, ormai ‘profughi di serie B’. Desta molta preoccupazione, a tal proposito, il comunicato diramato da UNHCR, IOM e UNICEF nel quale si esplicitano le “categorie” di migranti: “(…)to identify those who are in need of protection, those to be relocated to other European countries, and people who do not qualify for refugee protection and for whom effective and dignified return mechanisms have to be put in place” legittimando implicitamente le procedure di discriminazione su base etnica e nazionale appena introdotte

Chiediamo immediatamente la riapertura dei confini sulla rotta balcanica e la cessazione immediata di questa arbitraria e criminale ‘selezione del migrante’ che viola esplicitamente il diritto internazionale ed europeo, che garantisce il diritto di chiedere ad asilo a chiunque ed indipendentemente dalla nazionalità.

Chiediamo che i profughi bloccati al confine greco-macedone possano proseguire il loro viaggio verso l’Europa, e che nessuno dei paesi balcanici blocchi i migranti lungo la rotta.

Ricordiamo che la Convenzione di Ginevra sancisce il divieto di espulsione e di rinvio al confine: ‘Nessuno Stato Contraente espellera’ o respingera’, in qualsiasi modo, un rifugiato verso i confini di territori in cui la sua vita o la sua liberta’ sarebbero minacciate a motivo della sua razza, della sua religione, della sua cittadinanza, della sua appartenenza o a un gruppo sociale o delle sue opinioni politiche’ e che la stessa UNHCR con un comunicato del 30 gennaio scorso ribadiva la raccomandazione del 2008 di non rimandare i richiedenti asilo in Grecia.

Invitiamo le organizzazioni internazionali presenti sul posto a documentare i respingimenti e a portare avanti immediate azioni legali, perchè quanto sta succedendo non resti impunito.

In un momento in cui le libertà e i diritti sembrano dover essere messi in secondo piano in nome della lotta al terrorismo, ribadiamo che sono proprio quei diritti e quelle libertà l’arma più efficace e duratura contro il terrore.

Invitiamo a firmare e condividere questo appello perché le massicce violazioni dei diritti dei rifugiati e dei richiedenti protezione in corso lungo la rotta balcanica cessino immediatamente.